Giovedì 24 Maggio 2018/ore 17.30
Sala Tommaseo

Ateneo Veneto, Soroptmist 

Progetto DONNE@LAVORO. Il Soroptimist sostiene la formazione in carcere

Saluto di Caterina Marcantoni, presidente del Soroptimist Club di Venezia
Presenta Gabriella Straffi, coordinatrice territoriale del progetto
Interventi di: 
Marta Colle, responsabile area educativa casa di reclusione femminile di Venezia
Maria Voltolina, presidente Associazione “Il granello di senape”
Vania Carlot, vicepresidente cooperativa “Rio terà dei pensieri”

Cura del corpo, istruzione, formazione e lavoro sono tra gli elementi fondamentali del percorso di conoscenza di sé e di responsabilizzazione che i detenuti – e in questo specifico contesto le donne detenute - possono compiere per facilitare scelte “altre” all’uscita dal carcere. 
Offrire opportunità in questa direzione significa agevolare la conoscenza di sé e rafforzare capacità e competenze. E’ con questa convinzione che il Soroptimist ha finanziato tre progetti che saranno attivati presso il carcere femminile della Giudecca.
Il primo si chiama “Colpi di testa!” ed è un corso di acconciatura. Il secondo è un corso di trattamenti estetici: “La bellezza…in onda!”.
Il terzo - “Il corpo femminile: sessualità e prevenzione” – prevede incontri a tema e la creazione di uno spazio nella biblioteca del carcere, “lo scaffale delle donne”, con testi dedicati al corpo e alla sessualità femminile e con un’attenzione speciale alla prevenzione delle patologie sessualmente trasmissibili e alle malattie oncologiche.